Conferenza LA LAICITA’ NELLA “BUONA SCUOLA” DI RENZI

buona-scuola-renzi

Mercoledì 14 ottobre alle ore 21:00

Presso la Sala “Gian Paolo Biasin”

Via La Rocca 22, Sassuolo

Conferenza sul tema

La laicità nella “buona scuola” di Renzi

Relatori

Adriana Querzè

Pedagogista, già Assessore all’istruzione del Comune di Modena

Mara Mellace

Segreteria CGIL-FLC scuola di Modena

Federico Ricci

Psicologo e Formatore

Seguirà dibattito col pubblico

INGRESSO LIBERO

con il Patrocinio del Comune di Sassuolo

sassuolo_stemma

Locandina ‘La laicità nella “buona scuola” di Renzi’

Manifesto ‘La laicità nella “buona scuola” di Renzi’

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=780

Conferenza DARWIN DAY UAAR 2015 11: “Darwin e la vivisezione”

Dd11

In occasione dell’anniversario della nascita di Charles Darwin (1809-1882)

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 20:45

Presso Aula Didattica “Marcello ‘Mirko’ Sighinolfi” – Museo di Nonantola

(Torre dei Bolognesi, ingresso da Via Del Macello)

Conferenza sul tema

“Darwin e la vivisezione”

“Voi chiedete la mia opinione sulla vivisezione.

Sono abbastanza d’accordo che sia giustificabile per effettuare ricerche reali sulla fisiologia; ma non per una mera dannata e detestabile curiosità.

E’ una questione che mi fa star male per l’orrore, così non dirò altra parola su questo, altrimenti non dormirò stanotte.”

Charles Darwin

 

Relatore

Fabio Esposito

Ha scritto insieme ad Alessio Cazzaniga il libro “Charles Darwin – Sulla vivisezione – I documenti di un dibattito” MIMESIS EDIZIONI

Milita nel nome collettivo ‘Equipe sperimentale di Storia’

Collabora con la ‘Fondazione Fossoli’ e ‘Istituto Storico di Modena’

 

Modera

Davide Folloni

 

INGRESSO LIBERO

con il Patrocinio del Comune di Nonantola

nonantola_stemma_small

uaar_locandina_base

info: modena@uaar.it, tel: 380 4226811

Locandina Pieghevole

aula_marcello-mirko-sighinolfi_nonantola

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=760

“OGNI VITA E’ SACRA”

monaci-tha-01

Volentieri riceviamo e pubblichiamo un racconto del nostro socio Leonardo Broseghini.

OGNI VITA E’ SACRA

di Leonardo Broseghini

 

Si preannunciava una calda giornata a Huai Khwang, anche se spirava un minimo di brezza mattutina, capace di scuotere alcune campane di preghiera che tintinnavano incessantemente: si sarebbe poi persa di forza via via procedendo nel cammino verso l’afoso centro di Bangkok.

I bambini giocavano, come sempre,  rumorosi per strada, mentre sul marciapiede procedevano scherzando allegre combriccole di monaci, che spiccavano per gli accesi sai arancioni e per l’altrettanto caratteristica testa rasata, che a tratti rifletteva la luce del sole.

All’improvviso un grido sovrastò ogni altro suono, seguito da un pianto acuto ed incessante; Junta apri la porta di casa allarmata, e fu subito travolta da un gruppo di bimbi (alcuni di questi li aveva riconosciuti, erano compagni di gioco della sua piccola Raylai): “Presto, presto mamma di Raylai, venga: Raylai si è fatta male”.

Junta non si ricorda nemmeno i dettagli degli avvenimenti immediatamente successivi; la paura che come uno spettro sempre covava  nel suo cuore di  mamma di una bambina undicenne fuori di casa, fuori da ogni immediata supervisione, era improvvisamente esplosa cancellando ogni altro pensiero; ha solo, Junta, ben chiara in mente la visione della sua piccola, con una gamba mezza sprofondata in un tombino dalla ampie grate, che la fissava implorando aiuto con lo sguardo e con la voce.  E anche ripensandoci dopo, non avrebbe mai saputo dire quale dei due fosse più angosciante.

La piccola era caduta in una fogna a cielo aperto. Nella discesa a quegli inferi, un lungo tratto di pelle si era scorticato, ricoprendosi interamente di una melma scura e maleodorante. Junta riprese il controllo di se: prese per le ascelle la bimba, la estrasse dalla trappola, e mentre la consolava e rincuorava cercava alla belle e meglio di ripulirla, utilizzando un lembo della propria veste come straccio improvvisato. Sotto alla fanghiglia putrida emerse la lunga ferita, che arrivava fino alla carne viva; chiaramente era una questione da dottori, nulla che si potesse risolvere coi mezzi casalinghi alla sua portata.

Il viaggio al lontano ospedale, per le caotiche strade di Bangkok, fu una vera agonia. Raylai non strillava più, ma singhiozzava piano, mentre Junta cercava di tenerla sollevata per alleviare il peso sulla gamba lesa, ed intanto, calato il panico, rimaneva spazio per altri pensieri: “Sono uscita di corsa di casa, avrò chiusa la porta ? Avevo lasciato qualcosa sul fuoco, qualcuno provvederà a spegnere ?”.

Arrivate finalmente all’ospedale, furono accolte in accettazione da un Budda seduto gigante e sorridente; gli inservienti si davano da fare per ramazzare con cautela alcuni scarafaggi che gareggiavano veloci fra di loro sul pavimento, accostandoli dolcemente verso i muri, per evitare che qualcuno, magari distratto dalle proprie ansie, accidentalmente li schiacciasse.

Immediatamente vennero dirottate verso il reparto di pediatria, dove furono rincuorate dall’ampio sorriso del medico che la prese in consegna. “Vieni bimba, a te pensiamo noi: uscirai di qua come nuova”.

Junta teneva la mano alla piccola, sussurrandole parole dolci all’orecchio, mentre amorose infermiere passavano un panno imbevuto d’acqua calda sulla ferita, ed il medico accendeva incensi profumati tutt’attorno. Conclusa questa operazione passò a suturare i lembi di carne.

I primi dubbi le vennero quando vide che procedevano alla bendatura, senza aver dato altro medicamento che l’acqua.

“La ferita è profonda, mi aspettavo un po’ di tintura, almeno, che so, un po’ d’alcool”.

Il sorriso si spense dal viso del dottore: “Noi non usiamo quella roba”.

“Come sarebbe a dire ? E le infezioni ?”

Ripresosi dallo shock dell’importuna domanda, il sorriso standard tornò ad illuminarlo:”Appunto”

“Appunto ?”

“Appunto !”

“Come sarebbe a dire ?”

“Sarebbe a dire che non ho nessuna intenzione di fare una strage di batteri: sono un medico obbiettore”

“Eh ? Cosa sta dicendo ? Mia figlia ha infilato una gamba nella fogna, rischia una severa setticemia”

“Ed io sono buddista: per me ogni vita è sacra, anche quella dei batteri”

Junta capì. Educata blandamente alla religione, anche lei festeggiava le ricorrenze previste, aveva insegnato le preghiere a Raylai, ed ogni tanto accendeva qualche incenso. Ma non aveva mai sentito parlare di medici obbiettori. Di certo non osò chiedere lumi riguardo la sterilità dell’ago utilizzato.

“Senta, rispetto la sua religione. Figuriamoci, sono buddista anch’io. Ma non potrebbe chiamarmi un qualche altro dottore ?

“Qua tutti i medici sono obbiettori. Il nostro è un ospedale, non un campo di sterminio per i microbi”.

Detto questo girò i tacchi e prese ad occuparsi di altri piccoli pazienti.

Junta passò la notte in pediatria, accanto alla piccola Raylai, dal sonno lamentoso e tormentato; al mattino, era madida di sudore, e la sua fronte era calda quasi come i fornelli che Junta s’immaginava d’aver lasciato acceso a casa.

Alla buon ora, premuroso e sorridente, il medico del giorno prima si presentò per la visita di controllo.

“Allora, come sta la nostra piccola principessa ?”

“Scotta, ha la febbre”.

Prontamente un’infermiera le coprì la fronte con un panno bagnato.

“Senta dottore, è chiaramente in atto un’infezione”, disse Junta, forte di prolungate ed assidue visioni televisive di soap opera in stile medico.

“Probabile”, replicò il medico sorridendo.

“Ed allora… servirebbe un antibiotico, vero ?” Azzardò timidamente la madre.

Il viso del dottore tornò improvvisamente oscuro “Ma per chi mi ha preso ? Le ho già spiegato, mi sembra, che io obbietto!”

“Si, ma mia figlia sta male. Come può mettere la vita dei batteri davanti alla salute di una bambina ?”

“E se uno di quei batteri fosse suo nonno reincarnato ? Vuole uccidere suo nonno ?” replicò il sempre più stizzito dottore.

“Ma cosa vuole che m’importi del batterio/nonno. Se non la cura, mia figlia rischia la vita!”.

“Nel caso, vorrà dire che aveva un pessimo karma”, tagliò corto acidamente lui. E di nuovo sparì.

Non si fece più vivo per l’intera giornata. Vennero invece le infermiere, a sostituire le bende e a ravvivare gli incensi; la ferita aveva un aspetto disgustoso, si era gonfiata e lampeggiava come un fuoco acceso. La bambina era sempre più calda ed era chiaro che sottoposta a questo tipo di trattamento, sarebbe solo potuta peggiorare.

Fu così che Junta prese la decisione di riportarla a casa. Se si trattava solo di cambiare le bende, avrebbe potuto benissimo provvedere da sola. Arrivata a casa (i fornelli erano spenti, per fortuna) la stese nel suo lettino, le asciugò la fronte (che invece era bollente) e decise di correre in farmacia per procurarsi un antibiotico.

Il primo farmacista non fu troppo scortese. “Mi dispiace, non teniamo quel genere di farmaci. A parte che servirebbe la ricetta medica, io sono un buddista osservante e non vendo strumenti di morte”

“Ma mia figlia ha la febbre alta!”

Anche sul suo viso s’impresse lo stesso identico sorriso del dottore “Un antipiretico posso sempre darglielo, non c’è problema. Ma per favore, non mi chieda strumenti di sterminio di massa per i batteri: ho una coscienza,  per soddisfare la sua richiesta non potrei poi più dormire sonni tranquilli io”.

Man mano che bussava a tutte le farmacie, ottenendo sempre lo stesso genere di risposte, la sua disperazione cominciava a crescere sempre di più. A casa Raylai delirava e la ferita era passata dal colore rosso al nero, emanando pure uno sgradevole odore.

Una vicina di casa dalla cattiva reputazione (era nota per lo stile di vita dissoluto che conduceva), cercò di venirle in soccorso: “Conosco un ambulatorio, non lontano da qua, condotto da un medico cinese, il quale, si dice, tratti le infezioni con gli antibiotici”.

Le due sollevarono insieme la bimba, che non era più in grado di reggersi in piedi da sola e si recarono in direzione dell’ambulatorio. Arrivate in prossimità di questo, notarono una piccola folla che ne ostruiva l’ingresso. Di lato alcuni monaci mugugnavano preghiere, mentre un gruppo di persone innalzava minacciosi cartelli:

“Assassini”, “Chiudiamo il lager”, “Ogni vita è sacra”

Una muraglia umana ostruiva l’ingresso alla clinica ed a nulla valsero le suppliche e le preghiere di Junta, che anzi rimediò alcuni sputi ed alcuni spintoni nel vano tentativo d’aprirsi un varco (va beh essere non violenti, pensavano alcuni manifestanti, ma quando ci vuole, ci vuole).

Non passò la notte successiva, la piccola Raylai, e ne le partecipate onoranze funebri, ne i tentativi di consolare Junta (“vedrai, una bimba così brava e buona come Raylai, chissà quanti passi avanti avrà fatto verso il nirvana!”), nulla potevano contro la sua disperazione.

Sulle sue disgrazie e sul proprio dolore rimuginava l’insonne Junta nel letto sudato nell’afosa ed immobile nottata di Bangkok. E mentre la sofferenza la pervadeva con languore, casualmente lo sguardo le cadde sulla zanzara che beata si nutriva dalla sua spalla. Quasi automaticamente sollevò la mano per schiacciarla quando un improvviso pensiero le congelò il gesto: “E se fosse Raylai ?”

La zanzara tranquilla concluse i propri comodi, e satolla s’involò nel silente buio alla ricerca di un nuovo desco.

 

“OGNI VITA E’ SACRA” di Leonardo Broseeghini 

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=749

Convocazione Riunione Soci Circolo UAAR di Modena il 18/9/2014

urna_elettorale

Si rammenta ai soci UAAR del Circolo di Modena e provincia che Giovedì 18 Settembre 2014 alle ore 21:00 nella sede dell’ARCIGAY (che cortesemente ci ospita) di Modena, via 4 Novembre 40/L, si terrà la riunione del Circolo.

Per chi non conosce il posto (l’ARCIGAY non ha insegne esterne), ci sarà un socio ad aspettare alle 20:50 sotto l’ingresso della vicina Camera del Lavoro CGIL, in piazza Cittadella.

OdG: piano di iniziative autunno-inverno. In particolare affronteremo alcune ipotesi di lavoro come Comitato art. 33 contro i finanziamenti alle scuole private, registro regionale dei testamenti biologici, eventuali iniziative sulla cultura laica e quanto altro i soci vorranno proporre.

 

Enrico Matacena

Coordinatore del Circolo UAAR di Modena e provincia

Cel: 3804226811

 

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=744

La UAAR di Modena esprime piena solidarietà agli studenti del Liceo Muratori

uaar_muratori_luxuria_201403-02

Nei giorni scorsi abbiamo assistito ad una vicenda molto grave avvenuta in un liceo cittadino: un’assemblea sul tema della diversità, precedentemente approvata dalla maggioranza dagli studenti e dal Consiglio d’Istituto, è stata prima bloccata e poi annullata sotto la spinta di un manipolo di una quarantina di genitori cattolici, con chiare motivazioni di tipo ideologico, animati da chissà quali fobie.

Esprimiamo piena solidarietà agli studenti ed alle loro famiglie, cui è stato negato un interessante momento d’approfondimento culturale, stigmatizzando quanto è avvenuto ed osservando come ancora oggi minoranze fortemente organizzate e spalleggiate dalle forze politiche più retrive e colluse col mondo clericale riescano a tenere in ostaggio un’intera società. Anche l’immagine della nostra città, descritta come chiusa e bigotta dai media nazionali, non rende onore alla stragrande maggioranza dei nostri concittadini, per lo più laici e tolleranti, ma purtroppo non organizzati ed altrettanto militanti quanto quelli legati al mondo cattolico.

Ricordiamo che una repubblica democratica dovrebbe favorire la diffusione della conoscenza mentre una scuola che vieta incontri come questi,  sotto la spinta di paure e fobie di natura medioevale, nega il suo stesso mandato. E che, parimenti, la Costituzione garantisce contro le discriminazioni: quindi negare la parola a Luxuria a causa del suo orientamento sessuale vanifica coi fatti tanti discorsi che, pubblicamente, ogni giorno, vengono spesi contro le discriminazioni. Si è trattato quindi di una vera e propria crociata contro la laicità della scuola ed i valori di pluralismo che questa dovrebbe rappresentare.

Notiamo inoltre che l’ascesa al soglio pontificio di Bergoglio ha destato parecchie speranze nell’ambito del mondo cattolico non fondamentalista anche se, nei fatti, pare che nulla cambi nella testa di chi pretende che propri valori e credenze debbano sempre avere la meglio sulle ragioni del resto della popolazione.

Sollecitiamo gli studenti a proseguire nel loro percorso di confronto e ricerca in un dialogo che sia aperto a tutte le istanze presenti in una società complessa ed in divenire come quella attuale.

UAAR, Circolo di Modena

La UAAR di Modena esprime piena solidarietà agli studenti del Liceo Muratori

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=737

Tavoli Informativi UAAR Circolo di Modena 2014

portico_collegio_modena

Il Circolo UAAR di Modena sarà presente anche quest’anno (2014) sotto i portici del Collegio di Modena con il suo tavolo informativo sull’8 x 1000, i Costi della Chiesa e le altre battaglie UAAR i sabati pomeriggio del 5, 12, 26 di Aprile e del 3, 10, 17 di Maggio.

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=731

VIDEO della Conferenza DARWIN DAY UAAR 2014 10: “Simbiosi ed evoluzione: perché collaborare è meglio che competere”

Dd10

Ecco il VIDEO della conferenza DARWIN DAY UAAR 2014 10: “Simbiosi ed evoluzione: perchè collaborare è meglio che competere tenutasi Venerdì 21 Febbraio 2014 alle ore 20:45 presso il Teatro Cantelli a Vignola:

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=722

Conferenza DARWIN DAY UAAR 2014 10: “Simbiosi ed evoluzione: perché collaborare è meglio che competere”

Dd10

In occasione dell’anniversario della nascita di Charles Darwin (1809-1882)

Venerdì 21 Febbraio 2014 ore 20:45

Presso il Teatro Cantelli
Via Cantelli (centro storico) Vignola

Conferenza sul tema

“Simbiosi ed evoluzione: perché collaborare è meglio che competere”

Relatore
Prof. Mauro Mandrioli

Professore Associato in Genetica presso l’Università di Modena e Reggio Emilia

INGRESSO LIBERO

info: modena@uaar.it, tel: 380 4226811

LocandinaPieghevole

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=706

Convocazione Riunione Soci Circolo UAAR di Modena il 25/2/2014

urna_elettorale

Si rammenta ai soci UAAR del Circolo di Modena che Martedì 25 Febbraio 2014 alle ore 21:00 nella sala del piano terreno della sede dell’ARCI provinciale di Modena, via 4 Novembre 40/L (ma si entra più facilmente da via Padre Candido nel parcheggi di fronte alla palazzina ARCI), si terrà l’assemblea annuale del Circolo UAAR di Modena per il rinnovo delle cariche sociali, l’approvazione del bilancio e per la pianificazione delle nostre iniziative nel prossimo periodo.

Per chi non conosce il posto, ci sarà un socio ad aspettare alle 20:50 sotto l’ingresso della vicina Camera del Lavoro CGIL, in piazza Cittadella.

Ricordo che stavolta la riunione NON è presso l’Arcigay, ma presso l’ARCI provinciale, (in pratica ad una palazzina di distanza).

Enrico Matacena

Cel: 3804226811

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=697

Operativo Comitato ART 33 a Modena

SCUOLA PRIVATA
Il Circolo UAAR di Modena organizza per

Giovedì 6 Febbraio 2014 alle ore 21:00

presso la Sala del Circolo Arci-Flora

in Via Sant’Onofrio n° 7 a Formigine (Mo)

(provenendo da Modena e transitando sulla Via Giardini si passa Casinalbo ed alla rotonda Coop si gira a sinistra, alla rotonda successiva a destra e dopo duecento metri sulla destra c’è il Circolo Arci-Flora)

una riunione del costituito

Comitato ART 33

Sono invitate tutte le associazioni che vorranno essere presenti per lanciare ufficialmente le iniziative a Formigine contro il finanziamento alle scuole private.

Come UAAR vorremmo portare in quella sede (ma poi si deciderà ovviamente tutti insieme) l’idea di lanciare una proposta di delibera di iniziativa popolare al comune di Formigine (analogamente a quanto fatto con successo con il registro comunale dei testamenti biologici), in cui chiedere l’eliminazione dei sussidi comunali alle scuole private e la loro destinazione alle scuole pubbliche.

Se poi l’iniziativa avesse successo, si potrebbe valutare di estenderla anche ad altri comuni della provincia e magari al capoluogo, facendo diventare questo problema anche tema di dibattito in campagna elettorale.

Permalink link a questo articolo: http://www.uaarmodena.it/?p=689

Post precedenti «

» Post successivi